All for Joomla All for Webmasters

Matrimonio 2

Ci si può sposare in chiesa senza essere battezzati?

Sì, una persona non battezzata può sposarsi in chiesa a condizione che sposi qualcuno già battezzato e che sia d’accordo sui quattro fondamenti del matrimonio cristiano: fedeltà, indissolubilità, apertura alla vita e alla libertà, e che rispetti la fede del congiunto e il suo desiderio di allevare i figli nella fede cristiana.

Quali sono i documenti necessari per sposarsi in Chiesa?

I documenti religiosi: certificato di Battesimo, di Cresima, attestato di frequenza al Corso prematrimoniale, Certificato di Stato Libero Ecclesiastico (solo per chi ha vissuto fuori dalla Diocesi in cui avviene il matrimonio per un periodo di almeno dodici mesi dalla data di compimento dei sedici anni), le pubblicazioni religiose, certificato di avvenute pubblicazioni. I documenti civili: certificato consensuale, certificato di avvenute pubblicazioni in Comune.

Il mio futuro marito/moglie non è credente e non si vuole comunicare. È un problema?

No. Ma allora è meglio scegliere una cerimonia senza messa, ossia senza che vi sia comunione. Un matrimonio senza comunione non è un matrimonio di seconda categoria.

Sposarci e allo stesso tempo far battezzare nostro figlio è possibile?

E’ possibile, ma non è raccomandato…  dipende anche dall’età di vostro figlio. Matrimonio e Battesimo sono due sacramenti diversi, che non hanno lo stesso significato e che richiedono preparazioni diverse. Parlatene con il sacerdote o il diacono della vostra parrocchia. Sapranno aiutarvi, in funzione della vostra situazione.

E’ utile partecipare ad un corso prematrimoniale?

Generalmente il cosiddetto “corso prematrimoniale” viene organizzato presso le varie Parrocchie della città secondo un calendario che che copre quasi tutti i mesi dell’anno. In ciascuna Parrocchia il Parroco è coadiuvato da coppie sposate che meglio possono testimoniare, con la loro esperienza, quanto il proprio matrimonio, se fondato su Gesù Cristo, possa dare frutti di amore, di fedeltà, di apertura alla vita. Il corso prematrimoniale acquista quindi nella società di oggi la funzione di un cammino di evangelizzazione e di riscoperta della propria fede, durante il quale l’incontro tra i fidanzati e le coppie cristiane sposate, permette agli aspiranti sposi di prendere coscienza della ricchezza della vita coniugale illuminata dalla Fede, dalla Parola di Dio e dai Sacramenti. II corso ha una durata di almeno dieci incontri e, a conclusione, viene rilasciato alla coppia un attestato di frequenza, assolutamente indispensabile per richiedere la celebrazione del matrimonio secondo il rito religioso.

Vai all'inizio della pagina